LETTERA APERTA AI COLLEGHI AUTORI di Uberto C. Montanari

Gentilissimi colleghi;
mi rivolgo alla sola categoria di scrittori che per loro sfortuna, come me, non fanno parte della così detta “elite” di celebri autori e non per cultura ma per la sola visibilità di cronaca.
Mi riferisco ai giornalisti, ai politici, agli sportivi, della casta di attori, di delinquenti ai quali la cronaca nera ha dato un’ampia visibilità eccetera eccetera…
La lista potrebbe essere eccessivamente lunga.
Attenti alle lusinghe dei così detti editori che con belle frasi e con una eccessiva dose di complimenti per la vostra opera vi forniscono la possibilità, altrimenti negata, di pubblicare la vostra opera.
Ebbene, questi editori, passata la prima fase di complimenti vi proporranno di pubblicare con immenso piacere il vostro libro, che potrebbe essere un romanzo come una raccolta di poesie oppure una biografia come una tesi di laurea.
Dicevo, dopo la prima fase si passa alla seguente, quella di stabilire il numero di copie da stampare. Nel frattempo ci sarà un breve intervallo per parlare del tipo di copertina che sperano abbiate già deciso per una loro proposta, la più semplice e la meno costosa, ed in fine vi diranno che il minimo di copie da stampare saranno cinquecento per una determinata cifra.
A questo punto la cifra da sborsare a favore della casa editrice sarà calcolata in base al prezzo di copertina per duecento copie. Le restanti trecento sono dell’editore che provvederà alla distribuzione.
Ed è qui che l’autore dovrà fare attenzione. Nel contratto la casa editrice si impegnerà ad una meticolosa distribuzione ma non specificherà dove. Naturalmente nella vostra città natale o dove vivete ma per il resto?
Purtroppo noi non abbiamo visibilità e se non perdiamo la testa uccidendo qualcuno per avere l’onore della cronaca, dobbiamo rimboccarci le maniche e organizzarci in maniera diversa.
Ad esempio contattare una tipografia e fare tutto da noi e nel frattempo affidarvi come sto facendo io ad uno studio creativo che vi consiglierà l’inserimento in un blog.
Ma la parte importante è di controllare quegli editori che pretendono da noi quella fatidica cifra che dovrebbe coprire l’acquisto di duecento copie
Per cominciare diffidiamo di questi editori e passiamo a controllare la loro distribuzione che con belle parole potrebbero innescare una vostra capitolazione.
Credete che valga la pena buttare del denaro per avere duecento copie della vostra opera ferme in un cantina o in un garage o in soffitta?
Avete duecento amici che desiderano acquistarle e non pretenderle in regalo?
Un buon consiglio che ho già dato a me stesso dopo cinque fregature è quello di affidarvi a quegli editori che non pretendono che voi acquistiate le duecento copie.
Se valete e senza intimorirvi, continuando a perseverare sulle vostre capacità e principalmente credendoci, aspettate che il tempo maturi perché se valete il giorno della vittoria vi arriderà certamente.
Inoltre diffidate di tutti quei concorsi, a pagamento o non, che vi invitano ad inviare le vostre opere edite o inedite perché alla fine seppure vincete un primo o un secondo premio non riceverete altro che un diploma insignificante, una medaglia o una coppa.
Non c’è nessuno che vi possa dire: quest’opera è bella ed io te la pubblico
Io, ho scritto quindici romanzi, dieci sceneggiature cinematografiche, un centinaio di poesie, un’infinità di racconti e quaranta lavori teatrali.
Ho partecipato a quasi tutti i concorsi esistenti vincendo la maggior parte dei primi premi ma solo dove non c’era in palio un premio in denaro. In questo caso e ho la prova scritta da un presidente di giuria che in uno dei maggiori premi italiani che pur avendo la possibilità di vincere il primo premio sono arrivato terzo. Perché al terzo classificato non era previsto un premio in denaro.
Questo è quanto ma continuo a raccomandarvi: ATTENZIONE, ATTENZIONE, ATTENZIONE

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s